Il cane a tre zampe 3 di 4

A dirla tutta aveva ragione Alma. Abituato a lavorare in ufficio insieme a decine di persone, improvvisamente mi trovai in casa solo con me stesso e di fronte a un insopportabile cane a tre zampe. È quando tutto intorno si fa più silenzioso che i pensieri diventano improvvisamente più rumorosi e cominciano a martellarti la testa. All’inizio sono solo un fischio lontano, poi cominciano a crescere d’intensità come lo sferragliare di un treno, fino a trasformare il movimento del cervello in un beccheggio senza sosta. Così, quando Alma tornava dal suo lavoro, non le lasciavo neanche il tempo di respirare che già la sommergevo con la frustrazione di tradurre un libro da un film con Adam Sandler, le raccontavo le liti dei vicini dl piano di sopra e, più di tutto, l’insopportabile vista dell’assurdo cane. Stava diventando un’ossessione. Una ossessione tutta mia che però distrusse Alma.

small-butterfly-sheer-curtain-white-font-b-kitchen-b-font-curtain-font-b-window-b-font
Poi un giorno la padrona del cane mi parlò. Un tardo pomeriggio mentre stava sollevando il cane per spostarlo sul pavimento della cucina, lei si voltò e guardò verso di me. Il suo sguardo pareva spento come sempre, una tristezza infinita chiusa dentro due occhi acquosi che guardavano come se dall’altra parte della finestra non ci fosse altro che un vuoto nero. E verso quel vuoto aprì la bocca e silenziosamente disse aiuto, poi girò le spalle e si abbassò verso il pavimento, sparendo alla vista. Aiuto? A me? Ma soprattutto perché? Avrò inteso male, pensai, tornando io stesso ad abbassare gli occhi verso lo schermo del pc.
Le parole erano tutte in fila, ma a me parevano solo un’unica grande linea scura senza significato. Provai a tornare a guardare alla finestra di fronte, ma l’unica cosa che vidi era la sagoma di una cucina povera illuminata da una luce bianca. Aiuto. Aiuto? Ecco, ancora una volta ero riuscito a rovinarmi la giornata di lavoro. Non sarei stato più in grado di tradurre un solo aggettivo, la testa era andata. Prima la vista del cane, poi la donna che mi parla. Alma che non c’è più. Aiuto. (3 continua)

Annunci

2 pensieri su “Il cane a tre zampe 3 di 4

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...