La prima luce

Marco fa l’avvocato a Bari, la sua città, la sua terra. È un giovane uomo sicuro di sé e padrone della legge, arrogante anche. Violento, forse. Marco ha sposato Martina, una ragazza sudamericana, e da lei ha avuto un figlio, Mateo. I tre li conosciamo nel momento della crisi di coppia: Martina vorrebbe tornare al suo paese per smettere di sentirsi estranea a un mondo che non ha mai sentito suo. Vorrebbe tornare però con il figlio: che Marco la segua se la ama veramente e diventi lui straniero nel paese ai confini del mondo. E Martina ci riesce a scappare, portando con se Mateo e lasciando Marco solo con la sua inutile tracotanza. Martina è sparita e non si riesce a trovare. Non ci riesce la polizia e neppure le ambasciate. Così, tocca a Marco partire per il Cile e sperare di trovarla. Ma il contatto con un mondo così lontano ribalterà le cose, le situazioni e persino le persone.

blogdicultura_145eed46d4ad11a64450a11ff8701413-640x357
È un bel dramma sentimentale La prima luce di Vincenzo Marra (Il gemello), ben diretto e sorretto magnificamente da uno Scamarcio in gran spolvero, capace di trasformarsi da arrogante avvocato borderline a spaesato uomo solo in mezzo al nulla. Un uomo in balia di una legge che non può manipolare a suo piacimento e di cui ne diventa vittima. Ma, sembra dirci il regista, i sentimenti, l’umanità sono comunque sempre più forti di un’astrazione creata artatamente dall’uomo. E, tra tutti, i sentimenti, l’amore per un figlio è uno dei più grandi, l’unico capace di far compiere agli uomini azioni che non pensavano neppure di essere in grado di fare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...