Nausicaa della Valle del Vento

Un cataclisma ha sconvolto la Terra e ora si trova ricoperta quasi interamente da una Foresta tossica che diffonde miasmi mortali.

hayao-miyazaki

In questo scenario apocalittico e con una guerra sul punto di esplodere, il Regno della Valle del Vento rappresenta l’unico spiraglio di salvezza e di rinascita. Il regno, guidato dal buono Jihl, ha però nella sua principessa Nausicaa, sua figlia, la vera speranza. La giovane, infatti, ha un contatto diretto con la natura che in lei finisce di essere matrigna e ritorna ad essere quella madre creatrice e protettrice di sempre, che le permette di cavalcare il vento leggera e parlare con gli Ohm, insetti giganteschi guardiani della Foresta. La forza di Nausicaa si sprigionerà tutta quando, chiamata a difendere la Terra dall’attacco suicida degli uomini, saprà sacrificare anche se stessa per il futuro dell’umanità. Ma, come nelle migliori favole, a Nausicaa il destino ha riservato un ruolo particolare: attraverso di lei passerà la rinascita del mondo.
Nausicaa della valle del vento è il primo vero figlio di uno dei più grandi cartoonist mondiali, Hayao Miayazaki. Scritto e diretto nel 1985 (primo vero lungometraggio di Miyazaki dopo l’esordio con Lupin III il Castello di Cagliostro), il film arriva sugli schermi al termine del suo periodo di studio negli Stati Uniti insieme ai Nine Old Men della Disney e dopo che il periodo gli aveva permesso di realizzare una serie di albi a fumetti sulla principessa Nausicaa. E in questo primo film, riproposto nelle sale per pochi giorni, abbiamo già tutto il cinema di Miyazaki a venire: il rapporto uomo/natura e la lealtà e l’amicizia come uniche salvezze dell’uomo all’istinto di distruzione. La storia è deliziosa, anche nei suoi tratti genuinamente ingenui e il personaggio di Nausicaa indimenticabile, anche perché dentro di sé ha Heidi, Ponyo, Kiki e tutte le eroine dello Studio Ghibli, la casa di produzione fondata insieme a Takahata. Il disegno pulito, il tratto leggero e immaginifico ci porta direttamente dentro il mondo di Miyazaki, un mondo che pesca nella storia del fumetto, della letteratura e della pittura, tra emozioni surrealiste e Moebius, ma che alla fine crea una dimensione unica e totalmente originale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...