The assassin

Hou Hsiao-hsien non è un ragazzino. Ha alle sue spalle un bel po’ di carriera, un Leone d’Oro a Venezia nel 1989 per Città Dolente, oltre a un sacco di altri riconoscimenti guadagnati in tutto il mondo. E’ uno che quando si mette dietro la macchina da presa sa sempre bene dove andrà a posarsi l’occhio e quello che ne uscirà.

the-assassin-6

“Non mi sono mai importate molto le spiegazioni, soprattutto quelle psicologiche – ha detto il regista di Taiwan –  Se un film è un fiume, o un torrente, per la precisione, mi interessano di più il suo corso, la sua velocità, le sue deviazioni, i suoi mulinelli e i suoi gorghi, piuttosto che la sua sorgente o il punto in cui sfocia nel mare. E lo spettatore è seduto sulla riva del torrente che zampilla, osserva tutto ciò che scorre, gli spruzzi generati dal movimento e i momenti di calma. Ma spero anche che si immerga nella corrente, che si faccia letteralmente il bagno, che si faccia trasportare dal volo della sua immaginazione”. E quest’ultimo The assassin, vincitore a Cannes del premio per la miglior regia, risponde perfettamente al suo credo cinematografico: non sono tanto i personaggi, la loro storia o i loro sentimenti a tenere in piedi il film, quanto il quadro d’insieme. Come a ricordare che non sono gli uomini a fare la storia, ma bensì il contrario. Nie Yinniang da piccola viene affidata dalla famiglia alla monaca Jiaxin per istruirla all’arte della spada. La conosciamo ormai cresciuta e trasformata in assassina con il compito di uccidere funzionari governativi corrotti. Quando però Yinniang durante uno dei suoi incarichi si dimostra troppo tenera omettendo di uccidere un giovane padre, la monaca la punisce affidandole un progetto ancora più spietato: tornare nella sua provincia di origine e uccidere il governante Tian Ji’an, suo cugino, a cui era stata promessa sposa durante l’infanzia. Ambientato nella Cina del IX secolo, The Assassin si accomoda nella confezione pensata da Hou Hsiao-hsien per mettere in scena un dramma di amore e onore che solo apparentemente appartengono a quel tempo. Il film, composto prevalentemente da immagini di una bellezza folgorante, non ha però la stessa forza nella storia. Finendo per essere solamente un bel film incompiuto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...