The big sick

Lo chiami amore e poi scopri che ha mille altri nomi. Succede sempre così e a volte la cosa è anche capace di sorprenderti. Kumail Nanjinai, attore del Saturday Night Live e uno degli interpreti della fortunata serie Silicon Valley, di origini pakistane, ha vissuto una storia quantomeno inusuale che lo ha portato alla fine a sposarsi con Emily V. Gordon, una ragazza americana conosciuta a Chicago. Non è strano il fatto che un ragazzo e una ragazza si amino e si sposino, ma se il primo è stato promesso sposo a una ragazza pakistana e infrangere il giuramento potrebbe dire rompere i ponti con la propria famiglia, allora la cosa si fa più interessante. Ma non è tutto qui, perché mentre i due si stanno frequentando Emily viene colpita da una misteriosa malattia che potrebbe essere addirittura mortale. Ecco, a questo punto avete tutti gli elementi per cominciare a entrare in The Big Sick, bella commedia presentata in Piazza Grande a Locarno e proveniente direttamente dal Sundance: una storia vera, romantica e inaspettata come le storie che solamente la vita può raccontare così bene.


The Big Sick s’inserisce perfettamente nella schiera di film che rappresentano la nuova commedia americana. Filone che vede il cinema di Judd Apatow (40 anni vergine), qui produttore del lavoro, il capostipite di un genere che proprio nel regista americano ha trovato nuova linfa vitale. Storie moderne, brillanti, interpretate da una nuova generazione di attori (Steve Carrell, Seth Rogen, Paul Rudd, Leslei Mann e adesso Kumail Nanjinai) e scritte con la finestra ben aperta sulla realtà. Commedie dove ci si possa sentire interpreti e allo stesso tempo spettatori, commedie dove si possa ridere senza vergognarsi e sentirsi stupidi. The Big Sick, poi, è anche qualcosa di più, perché riesce a miscelare il dolce e l’amaro della vita creando un perfetto equilibrio tra i sentimenti, parlando di famiglia, amore e morte come se fosse un unico grande racconto. Grande merito va, oltre alla sceneggiar scritta a quattro mani da Kumail Nanjinai e dalla moglie Emily V. Gordon, agli interpreti che affiancano il comico: Zoe Kazan (già vista a Locarno in Ruby Sparks), una ritrovata Holly Hunter, Ray Romano (Vinyl) e tutto il gruppo di comici del Saturday Night Live che si esibisce nelle performance stand up.    

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...